fbpx
 

Guida Turistica Sintetica di Castellanza

 

Castellanza è un popoloso comune in provincia di Varese di circa 14.000 abitanti ed è bagnato dal fiume Olona, che divide in due il borgo e il territorio circostante.

Infatti questo comune non è altro che l’unione di due anime complementari: Castellanza, appunto, su una sponda e la frazione Castegnate sull’altra. Castegnate è il paese originario dove è stato fondato questo borgo ed è stato fondato molto probabilmente dai celti, prima di essere occupato selvaggiamente dai romani nelle loro guerre di conquista.

In epoca medievale invece il territorio di Castegnate era sotto il controllo dei monaci dell’Abbazia di San Dionigi, che lasciarono in seguito il feudo a un numero imprecisato di famiglia, fino a che la zona non venne annessa al Ducato dei Visconti di Milano.

Castellanza, invece, in antichità era con ogni probabilità una fortificazione quattrocentesca al di là del fiume Olona e le prime notizie certe della sua esistenza risalgono infatti al 1361.

Nel 1572 Castellanza salì alla ribalta per la visita pastorale di San Carlo Borromeo, anche se nel secolo successivo dovette fronteggiare l’emergenza della peste che nel 1630 decimò gravemente la popolazione.

Nel XIX secolo Castellanza e Castegnate si fusero in un comune unico e agli inizi del Novecento la cittadina diventò un fiorente centro industriale che ospitò molteplici opifici industriali e artigianali all’avanguardia.

La maggior parte delle attività godranno di ottima salute fino alla crisi degli anni Settanta che, a causa della forte concorrenza dei paesi dell’Est, mise in ginocchio l’intero sistema industriale locale.

Fortunatamente al giorno d’oggi è in corso un’attività di recupero degli edifici industriali dismessi affacciati sul fiume Olona, secondo un interessante programma di riqualificazione del lungofiume promosso dal Comune. Se capiti a Castellanza non perderti due eccezionali iniziative storico-culturali: il Palio delle Contrade e il Palio de la Castellantia.

Il Palio delle Contrade vede fronteggiare tra loro le due storiche contrade tradizionali del paese: “In Su” (Castellanza) e “In Giò” (Castegnate). L’evento, che dai primi anni 2000 ha luogo saltuariamente ad intervalli non definiti, prevede goliardiche sfide sportive che vengono seguite dal pubblico con grande passione.

Invece il Palio de la Castellantia è stato istituito nel 2010 e viene disputato tra le otto contrade in cui è stata divisa la città, ispirate alle chiese campestri e cittadine dei santi Giulio, Simeone, Stefano, Giorgio, Bernardo e alle due cappelle votive di San Carlo e Santa Liberata.

Se hai deciso di visitare Castellanza, allora ti consigliamo di prenotare presso il nostro hotel in zona Castellanza con ristorante, suite tematiche, area benessere, zona fitness e molto altro ancora.

Posted: 24 Dicembre 2017

 
 
 
Iscrizione newsletter
 
 
 
  subscribe