fbpx
 

Cosa Vedere A Varese

 

—> Se stai cercando un hotel a Varese, sceglie il MO.OM Hotel. Scorri il sito e scopri perché sia uno degli alberghi più scelti in zona Varese.

Varese, con le sue numerose aree verdi e fiorite, ha una struttura urbanistica assai particolare che gli ha valso l’appellativo di “città giardino”.

Infatti, tra il centro della città e i nuclei riempiti via via da castellanze, sono rimasti ampi spazi nei quali, a partire dal XVIII secolo, sono sorte ville signorili circondate da ampi giardini che da allora sono una delle maggiori attrattive della città.

Spesso si tratta di pertinenze di ville di famiglie nobili, tra cui spicca indubbiamente, a due passi dal centro pedonale, Palazzo Estense, residenza estiva e autunnale di Francesco III d’Este e oggi sede del comune.

Circondato da immensi e bellissimi giardini antistanti ispirati a quelli viennesi di Schönbrunn, i famosi Giardini Estensi, questo edificio è costruito in stile tardo barocco e si fregia di un’elegante facciata interna con colonne binate.

Proseguendo verso ovest, sulla via che porta al lago di Varese, sorge Villa Recalcati, edificio monumentale di epoca settecentesca trasformato nei primi anni del XX secolo in un hotel di lusso dal nome Grande Albergo Excelsor, che nel corso degli anni ospitò personalità del calibro di Giuseppe Verdi e Gabriele D’Annunzio.

Oggi sede della Provincia e della Prefettura, che ne riscattò la proprietà nel 1931 in piena epoca fascista, si distingue per la sua regalità e importanza, con un corpo di fabbrica a tre ordini e tre elementi, uno centrale e due laterali, corredati da un ampio giardino di rappresentanza all’italiana.

La visita della città non può prescindere dalla Basilica di San Vittore, elevata nel 1925 alla dignità di basilica minore, è a tutt’oggi il più importante edificio di culto cattolico di Varese.

La chiesa, costruita su progetto di Pellegrino Pellegrini e Leopoldo Pollak intorno al XVI-XVIII secolo, presenta un’architettura manierista con influssi barocchi, visibile fin dalla facciata, dalle forme vagamente neoclassiche, con decorazioni maggiormente afferenti al barocco e l’aula unica a tre navate di fine XVI, con un grande portale d’accesso affiancato da due laterali.

Dello stesso architetto è il Campanile, alto circa 80 metri, dietro il quale si staglia il Battistero di San Giovanni Battista, il monumento più antico della città.

In Piazza del Podestà, antico centro civile, campeggia il monumento ai Cacciatori delle Alpi, dietro il quale si erge l’ex Palazzo Pretorio, edificio medievale con campana sul tetto un tempo sede della municipalità, costruito a partire dal 1570, e la facciata di Palazzo Biumi, eretto nel 1615.

Spostandosi dal centro storico, a un paio di chilometri, si trova immediatamente il Castello di Masnago, edificio con parti risalenti a epoche diverse (dal Medioevo al Gotico Internazionale) ora sede del Civico Museo d’Arte Moderna e Contemporanea.

Poco fuori la città, infine, domina il Sacro Monte di Varese, facilmente raggiungibile in funicolare, e la sua Via Sacra, un largo vialone acciottolato lungo il quale si trovano 14 cappelle devozionali che rappresentano gli altrettanti misteri del Rosario.

Questo affascinante percorso in salita culmina nel grazioso borgo medievale di Santa Maria del Monte, dove all’interno del santuario omonimo si trova l’altare principale che rappresenta il 15mo mistero del Rosario, ossia l’incoronazione della Madonna.

—> Se stai cercando un hotel a Varese, sceglie il MO.OM Hotel. Scorri il sito e scopri perché sia uno degli alberghi più scelti in zona Varese.

Posted: 4 Novembre 2017

 
Varese |
 
 
 
Iscrizione newsletter
 
 
 
  subscribe